Rurality 2.0 Shackleton


Sam Shackleton fa parte, insieme a Burial e Kode9, della triade dei numi tutelari del dubstep. I territori in cui si muove il produttore inglese, ora di base a Berlino, muovono proprio da un'oscura e morbosa forma di dubstep contaminata con suggestioni etniche e profondi rimandi deep-house. Il suono di Shackleton non punta semplicemente a far muovere i corpi, quanto ad immergere la mente in una serie di visioni distorte e alterate: voci e rumori captati e deformati, sequenze ipnotiche, un mood notturno ed introspettivo, nebuloso e minaccioso. Il fondale è intessuto delle caratteristiche, spezzate sezioni ritmiche che sono la sostanza del tenere e di profondissime, abissali linee di basso. E' un suono che mescola funk, techno, dub ed house, astrazione minimalista e richiami world. Un suono che la celebre etichetta tedesca Perlon ha voluto assolutamente incorporare nel suo catalogo: “Three EP’s” è una delle migliori uscite in assoluto dello scorso anno, secondo l'opinione della quasi totalità dei magazine specializzati.   NAZIONE:
Gran Bretagna
ETICHETTA:
Perlon
LINKS:
www.skulldisco.com